Memorie per la vita di Giovanni II. Bentivoglio

Portada
Tipi delle belle arti, 1839 - 250 páginas

Dentro del libro

Páginas seleccionadas

Otras ediciones - Ver todas

Pasajes populares

Página xxviii - Nulli ergo omnino hominum liceat hanc paginam nostre confirmationis infringere vel ei , ausu temerario , contraire. Si quis autem boc attemptare presumpserit indignationem omnipotentis Dei et Beatorum Petri et Pauli apostolorum ejus se noverit incursurum. Datum Perusii XII Kal.
Página xc - ... vel ab homine quavis occasione vel causa latis, si quibus quomodolibet innodati existunt, ad effectum...
Página xxviii - ... tenorum existant, per que presentibus non expressa vel totaliter non inserta effectus earum impediri valeat quomodolibet vel differri et de quibus quorumque totis tenoribus de verbo ad verbum habenda sit in nostris litteris...
Página 237 - Oloferne armato in diverse guardie a piedi ed a cavallo, che guardavano i padiglioni: e mentre che erano attenti ad altro, si vedeva il sonnolento Oloferne preso da una femmina succinta in abito vedovile , la quale con la sinistra teneva i capelli sudati per il calore del vino e del sonno , e con la destra vibrava il colpo per uccidere il nemico; mentre che una serva vecchia con crespe...
Página 153 - Tiranni le Città di Bologna e di Perugia, membri tanto nobili e tanto importanti a quella Sedia , significò volervi andare personalmente , affermando, che oltre alle forze proprie avrebbe aiuto...
Página 118 - Perché vi era prima la cittadella ; da quella alla rocca era un fosso , in modo che vi si passava per un ponte levatojo ; la rocca era partita in tre parti , ed ogni parte era divisa con fossi, e con acqua dall'altra parte , e con ponti da quello luogo a quelDELL'ARTE DELLA GUERRA. I
Página 186 - ... turpe est, quod nequeas, capiti committere pondus et pressum inflexo mox dare terga genu.
Página 153 - Perugia , membri tanto nobili e tanto importanti a quella sedia, significò voler andare personalmente, affermando che oltre alle forze proprie avrebbe aiuto dal Re di Francia , dai fiorentini e da molti altri potentati d' Italia ; né Dio giusto Signore essere per abbandonare chi aiutava la chiesa sua.
Página 140 - E con gli ugnioni a stracciarsi e co' denti. E mal potendo il Valentin fuggirsi, Gli bisognò per ischifare il rischio, Con lo scudo di Francia ricoprirsi. E per pigliare i suoi nemici al vischio, Fischiò soavemente, e per ridarli Nella sua tana, questo bavalischio.
Página 147 - Oh quale tristizia ha invaso questo male arrivato secolo, che fa si poco , e tanto si briga e si studia a distruggere? Per quale o divina vendetta o umana perversità questo male va infuriando , sì che in ogni contrada d' Italia (nè in Bologna meno che altrove ! ) ci assorda lo strepito , e sozzamente offusca il polverìo di cotidiane demolizioni? Oh durano da molte età in mano de...

Información bibliográfica